San Sebastiano

Raffaello Sanzio
1501-1502

L’opera fu dipinta da Raffaello non ancora ventenne, ma si impone per una straordinaria finezza esecutiva e per la capacità quasi miracolosa di gradazione della luce, che avvolge la figura in un’atmosfera dolce e sognante. Fu realizzata per la devozione privata di un raffinato committente, e questo spiegal’interpretazione aristocratica dell’iconografia del santo, che tiene in mano la freccia simbolo del martirio. Attivo inizialmente nella bottega di Perugino, Raffaello lavora a Siena, forse come collaboratore di Pintoricchio, e vede poi la sua definitiva affermazione a Firenze all’inizio del Cinquecento.

Mappa

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) it_ITItaliano